Ernest & Celestine (Festival nelle Scuole) (2012)

  • Animazione, Avventura, Commedia
  • 1h 20m

Sinossi

Questa è lastoria di Ernest e Celestine, un orsogrande e grosso che sogna di farel’artistae di una topolina che non vuole fare la dentista. Nel convenzionale mondo degli orsi, fare amicizia con un topo non è certo cosa ben vista. Nonostante questo, Ernest, un orso che vive ai margini della società facendoil clown e il musicista,accoglie in casa sua la piccola topolina Celestine, orfanella fuggita dal mondo sotterraneo dei roditori. Questi due esseri solitari cercando sostegno e conforto uno nell’altra sfidano le regole dei loro rispettivi mondi e scompiglianocosì l’ordine stabilito…

Note di regia

Gabrielle Vincent, il cui vero nome è Monique Martin, è nata a Bruxelles il 9 settembre 1929. Studia disegno e pittura all’accademia delle Belle Arti di Bruxelles, dove si diploma nel 1951 ottenendo il primo premio con lode. Esplora allora tutta la ricchezza del disegno in bianco e nero ed espone per la prima volta le sue opere nel 1960. Successivamente, si avvicina al colore: acquarello, pastello colore ad olio. Ad ognuna delle sue mostre, i critici rilevano la forza, la sobrietà e la sensibilità della sua arte. Crea anche alcuni libri illustrati, come Un giorno, un cane, Le désert, Au Palais. Ideando Ernest et Célestine negli anni ‘80, Gabrielle Vincent offre ai bambini il suo doppio talento di disegnatrice e narratrice. È nel quotidiano che si esprime la verità umana, la tenerezza, la gioia di rendere felice l’altro e di vivere semplicemente, lasciando parlare il proprio cuore senza curarsi delle convenzioni. I suoi libri vengono allora pubblicati in tutto il mondo. Ecco ciò che ha scritto un giorno a proposito dei suoi album: “…le storie che disegno sono spesso storie vissute o osservate. Ho la sceneggiatura in testa e quando prendo la matita, poi la penna, esce tutto molto velocemente. Disegno un po’ come una sonnambula, come se non fossi io. Da qui nasce, senz’altro, questa sensazione di essere spettatrice di me stessa, di non riuscire a prendermi sul serio. Quasi sempre, è il primo disegno quello giusto, mi piace la spontaneità. Mi piace molto disegnare per i bambini, ma la mia attività principale rimane la pittura”. La forza, la sobrietà e la sensibilità dei suoi libri le hanno permesso di raggiungere una fama internazionale, confermata da numerosi premi. Gabrielle Vincent è morta il 24 settembre del 2000.

Lingua

Italiano

Paese

Francia

Studios

La Parti Productions, Les Armateurs, Maybe Movies, Mélusine Productions, StudioCanal