Notizie degli scavi (2010)

  • Drammatico
  • 1h 30m

Sinossi

Il Professore vive in una casa di appuntamenti, dove sbriga piccole commissioni. Le ragazze lo ignorano e soltanto Gina, ogni tanto, lo ascolta per compassione. La vita dell’uomocambia improvvisamente il giorno in cui va a far visita in ospedale alla Marchesa, un’ex prostitutache ha tentato il suicidioper colpa di una delusione d’amore.

Nota di regia

“Notizie degli scavi (1964), di Franco Lucentini, è considerato, ancora oggi, uno dei racconti più belli della letteratura italiana del secondo dopoguerra. Nel rileggerlo, è stupefacente constatare come gli elementi del racconto che l’imposero all’ammirazione – l’invenzione del protagonista, il linguaggio dei personaggi, il significato profondo della visita agli scavi di Villa Adriana – conservino tutta la carica originaria e, nello stesso tempo, abbiano la capacità di rinviare a condizioni e temi del presente. Queste considerazioni mi hanno indotto e agevolmente consentito di ambientare la storia ai nostri giorni, conservando e attualizzando quel significato morale che trascende la contingenza. Tuttavia, ferma restando la fedeltà allo svolgimento del racconto, tengo a evidenziare due interventi che, a mio avviso, contribuiscono a caratterizzare il film nella sua autonoma valenza cinematografica. Il primo è il passaggio dalla prima alla terza persona. Il secondo intervento riguarda la visita agli scavi. Nel racconto letterario, la visita è solo raccontata; nel film è mostrata anche fisicamente: gli straordinari reperti archeologici sono documentati in tutto il loro fascino. Notizie degli scavi è tante cose: è un oggetto delicato, un esercizio di stile, l’invenzione di un personaggio straordinario, una lente con la quale guardare la realtà, un racconto morale innervato da una fortissima tensione etica. Se a tutto ciò si aggiunge l’apporto di una recitazione ammirevole di Giuseppe Battiston e di Ambra Angiolini, si comprende il piacere di aver realizzato il film.”

Regia

Emidio Greco

Sceneggiatura

Emidio Greco

Musiche

Luis Bacalov

Montaggio

Bruno Sarandrea

Scenografia

Luciano Cammerieri

Lingua

Italiano

Paese

Italia

Studios

La Fabbrichetta, Rai Cinema